A tutta Serra!

  • Sede ASD Egb a Camburzano Via Provinciale 52/a
  • Ore 10:00

Dettagli

Tipo di percorso: Sterrato - tratti asfaltati
Difficoltà: BC/OC
Dislivello: 400 mt. circa
Lunghezza: 38 A/R

  • C’è un libro sempre aperto per tutti gli occhi: la natura” (Jean-Jacques Rousseau)

    In una domenica dove ogni cosa profuma di primavera anche se siamo ancora in febbraio, sotto un cielo terso, un caldo sole e una tiepida arietta con le nostre guide partiamo da Camburzano sede dell’Associazione e consueto punto di ritrovo del gruppo, per avviarci verso la Serra ambiente unico che con i suoi numerosi sentieri e single track è un vero paradiso per tutti gli amanti della mountain bike.

    Superato il paese di Mongrando, proseguiamo verso il borgo San Lorenzo, deviando dopo pochi metri di salita per imboccare un primo facile sentiero, porta d’ingresso alla morena.
    Il percorso è fantastico, gli sterrati qui sono agevoli anche se un po’ fangosi e non presentano eccessive difficoltà. Si snodano tra infiniti boschi dagli alberi ancora spogli ma che in giornate come questa non sanno se devono continuare a sonnecchiare o risvegliarsi per vestire i nudi rami di tenere foglioline.
    Dopo qualche ora di sana pedalata in mezzo alla natura, lontano da tutto e tutti, costeggiando prati già punteggiati dal giallo delle primule e dal bianco e violetto dei crochi, eccoci in Piazza del Comune di Donato (detto “paese dell’acqua” grazie a sorgenti che sgorgano incontaminate che gli permettono di vantare più di 40 fontane e 10 lavatoi) dove ci siamo fermati per una pausa all’aria aperta godendo appieno di questo tepore fuori stagione.Per il ritorno ci aspettano i lunghi sentieri di cresta che regalano panorami mozzafiato sulla sottostante pianura oggi velata da una leggera foschia. Ecco la Torre della Bastia e da qui giù verso il tagliafuoco della Broglina, divertente single track che richiede sempre attenzione, equilibrio e tecnica.

    Scendere così è un vero piacere, quando affronti in velocità (ognuno con la propria) quelle strette curve tra gli alberi, quelle brevi ma ripide salite e quelle discese che devi interpretare passando tra pietre e radici, ti senti per un po’ un biker coi fiocchi!