Forte di Bard e dintorni

  • Camburzano c/o Lovato Bike Shop & Rental
  • Ore 09:00

Dettagli

Tipo di percorso: Strada asfaltata e sterrato
Difficoltà: TC/TC
Dislivello: 300 mt.
Lunghezza: 53 Km. A/R

  •  

    “La bicicletta è la penna che scrive sull’asfalto” (Guy Demaysoncel)

    Che magnifica giornata, non manca proprio nulla: il cielo è di un bel blu cobalto, non ci sono nuvole all’orizzonte, il sole è splendente e fa decisamente caldo, ci sono tutte le caratteristiche di una classica giornata estiva anche se siamo ancora nel mese di aprile.
    Prima uscita di Evergreenbike in Valle d’Aosta, con un facile e divertente giro natural-culturale con partenza da Hone, un tranquillo paese ai piedi dello splendido Forte di Bard.
    La fortezza è arroccata su un promontorio roccioso situato nella parte più stretta di una gola, posizione strategica che nei secoli le ha permesso di vigilare sul transito della via romana delle Gallie ed essere sbarramento a invasioni.
    In sella alle e-bike abbiamo risalito la stretta via principale del borgo medievale che ti fa passare tra due ali di antiche case che ancora conservano interessanti tracce architettoniche dell’epoca per portarti poi in cima al bastione. Tutte le pietre trasudano storia, ti basta chiudere gli occhi un momento per riuscire a sentire ancora il rumore delle ruote dei carri mentre percorrono con fatica il lastricato o lo scalpitio degli zoccoli dei cavalli lanciati al galoppo sulla ripida salita.
    Da quassù il panorama sull’inizio della Valle è senza eguali, nessun ostacolo limita lo sguardo che può spaziare ovunque, dalla grigia Dora Baltea alle Alpi ancora innevate lasciandoti sempre senza fiato.
    Salutato Bard, iniziamo a pedalare su un facile percorso adatto a tutti che si snoda lungo una strada asfaltata e poco trafficata del fondovalle immersa in una natura esplosa in tutta la sua bellezza. Si passa tra boschi dagli alberi ormai verdi e frondosi, gioiosi campi incolti dai mille fiori colorati, seri campi coltivati, curati vigneti e piante di melo dai boccioli bianco-rosati. Persi in tanta bellezza e storditi dai profumi eccoci a Issogne, piccolo paese conosciuto per il suo splendido e ben conservato castello medievale che racchiude tante meraviglie artistiche compresa la famosa e simbolica fontana del melograno.
    Si riparte, attraversiamo un antico ponte romano che ci porta sulla sponda sinistra della Dora per imboccare un’altra strada asfaltata che salendo a mezza costa, senza traffico e con panorami fantastici, ti porta in quota proprio sopra la conca di Saint-Vincent.
    Anche oggi è giunto il momento di riprendere la via del ritorno e un pensiero va a questo 22 aprile “giornata mondiale della Terra” dedicata all’ambiente e alla salvaguardia del nostro incredibile pianeta, dove ognuno di noi ha il diritto ad un habitat sano ed equilibrato ma anche il dovere di rispettare e conservare le risorse e le bellezze naturali che ci sono state donate e di cui, come oggi, possiamo godere.