Monte Casto e dintorni

  • Vaglio di Biella
  • Ore 10:00

Dettagli

Tipo di percorso: Sentiero-Strada sterrata- Asfalto
Difficoltà: BC/BC
Dislivello: 800 mt.
Lunghezza: 35 Km. A/R

  • “La bicicletta è un’amica fedele che può condurti ovunque tu desideri” (G.K. Willman)

    In questa grigia domenica di aprile dove sai che quelle nubi basse che ora stanno nascondendo le nostre montagne non se ne andranno tanto facilmente e che non lasceranno di certo passare i tiepidi e desiderati raggi di sole, per questa classica ma impegnativa pedalata fino al Monte Casto siamo solo in tre: Luciano guida Csen, Mario e Alida.
    Si parte da Vaglio di Biella e raggiunta la frazione Colma ci immettiamo sulla bella e ormai familiare sterrata che, quasi tutta in piano, ti fa attraversare antichi boschi di castagni e faggi sino alla località “il Quadretto”. Da qui, tra piccoli tratti di asfalto e lunghi sentieri poco segnalati ma che la nostra guida ben conosce, abbiamo incrociato il tagliafuoco del Casto dove si pedala su saliscendi con pendenze degne di nota sino alle piane di Pratetto.
    Un posto incantevole dove vale la pena fermarsi un momento per ammirare la magnifica balconata sulla Valle Cervo e Oasi Zegna. Oggi purtroppo il meteo non è dalla nostra parte ma in una giornata di sole il panorama è tutta un’altra cosa.
    Vista l’ora e capito che possiamo scordarci il piacevole abbraccio del sole, decidiamo di iniziare subito a scendere optando per il single trail a lato del piccolo parcheggio, che inizia un po’ in sordina per rivelarsi poi decisamente tecnico sia in discesa che nelle corte ma ripide salite. Ad aumentare la difficoltà ci si mette anche un fondo ricco di ostacoli naturali: tonchi da saltare, radici e sassi da interpretare sperando che un buon equilibrio e un’attenzione particolarmente desta e pronta ti aiuti a stare in sella. Un percorso che sicuramente ti fa aumentare il livello di adrenalina ma che alla fine ti lascia più che soddisfatto e orgoglioso delle tue capacità da ciclista fuoristrada evergreen.
    Attraverso altri sentieri immersi in questi boschi senza fine e sempre con le solite nubi che non hanno neanche fatto il minimo sforzo per andarsene, si fa ritorno alla Colma parlando degli altri bikers del gruppo che oggi, per impegni vari, si sono persi un giro fichissimo!
    Anche Fulvio, altra guida Csen (vai al link Team Guide), adora questo percorso ma nel fine settimana si è spostato al Lago di Viverone presso “il Porticciolo” con le sue e-bike Conway per farle conoscere mettendo la sua esperienza e professionalità a disposizione di chi desidera provare questo fantastico mezzo che sta rivoluzionando il mondo delle due ruote.
    Vuoi divertirti di più e faticare di meno? Allora non perderti questa opportunità!