Una ciaspolata in allegria

  • Località Graglia-Bossola
  • Ore 13:00

Dettagli

Tipo di percorso: Bellissimo sentiero innevato

  • “La montagna ci offre la cornice ..tocca a noi inventare la storia che va con essa! “(Nicolas Helmbacher)

     In queste ultime settimane la Siberia ci ha inviato un suo freddo ambasciatore che, non appena è arrivato nel nostro Biellese, senza permesso e con la complicità del buriàn, vento gelido suo caro amico, ha iniziato ad abbattere le temperature, congelare il terreno, abbrustolire le prime gemme primaverili e a ricoprire ogni cosa con candida neve, insomma, in un attimo e senza scrupoli ci ha riportati in pieno inverno.
    Questo fioccare marzolino sicuramente anomalo è però fiabesco, la pianura e la montagna fanno a gara per regalare incantevoli panorami, ovunque regnano la tranquillità e la magia del bianco.
    Anche oggi non è possibile pedalare, il freddo artico, la fitta nebbia e la tanta neve impediscono la consueta uscita con le mitiche e-bike, ma noi Evergreen non demordiamo mai, siamo riusciti a trovare una divertente alternativa a questo meteo così sfavorevole: ciaspolata per tutti sino al rifugio Pianetti!
    Siamo partiti da Biella per raggiungere la località Bossola e la vicina regione San Carlo, da qui infatti parte il facile e largo sentiero che ti porta agevolmente sino al rifugio.
    Per tutti noi, neofiti delle racchette da neve, questa camminata è stata una salutare e piacevole esperienza. E’ sempre emozionante muoversi immersi in questa natura oggi particolarmente suggestiva grazie all’indiscusso fascino della neve che posandosi su alberi e rocce è riuscita a creare fantasiose sculture e mutevoli giochi di luce e ombre.
    Un paesaggio immacolato, riscaldato ora da un bel sole che si è finalmente deciso di uscire dalle grigie nuvole che lo nascondevano per accompagnarci fino al rifugio. Arrivati al Pianetti ci siamo regalati una sosta pro barrette e foto di rito a noi e alle montagne che circondano il rifugio, poi calzate nuovamente le ciaspole si è ripresa la via del ritorno con passo lungo e veloce per raggiungere al più presto la ricca “merenda sinoira” che ci stava aspettando all’omonima trattoria della Bossola.
    Tutti d’accordo ancora una volta, le calorie bruciate vanno subito reintegrate…..